Home Chi sono Comunicazione Efficace Linguaggio del Corpo Parlare in Pubblico PNL Persuasione Al lavoro

sabato 26 febbraio 2011

Parlare non basta: l’arte di farsi ascoltare

Comunichiamo dalla nascita, parliamo da quando siamo bambini, dovrebbe essere facile comunicare dopo tutta questa pratica… niente di più sbagliato! Sicuramente sappiamo mettere le parole una dietro l’altra per farci capire ma farsi ascoltare è un altro mestiere. Nessuno c’insegna veramente a comunicare e, soprattutto, nessuno c’insegna a generare interesse, dialogo e condivisione con chi ci circonda ne’ a scuola e nemmeno nella società, sta a noi apprendere l’arte di farsi ascoltare. Eppure cosa c’è di più importante che relazionarci con le persone che ci circondano e quanto può incidere una migliore comunicazione in questo?!

Alcuni consigli pratici su come farsi ascoltare:
1.    Meritarsi l’ascolto. Per farlo bisogna condurre ogni conversazione con l’attitudine corretta, ovvero porsi l’obiettivo di “parlare in un modo che l’altra persona sarà felice di ascoltare”.
Molto può essere fatto prima di effettuare una conversazione, sviluppando dei propri pensieri su argomenti di cronaca o d’interesse comune. Abituarsi a sviluppare la propria opinione senza cadere nella trappola dei luoghi comuni e vedere le cose da più angolazioni aiuta a genere idee interessanti. La pratica farà il resto.
2.    Imparare a fare domande. L’abilità di fare le giuste domande è uno degli strumenti più efficaci per ottenere e mantenere l’attenzione delle persone e così gestire i rapporti interpersonali. In tutte le conversazioni sono coinvolte delle emozioni, le domande che veicolano apertura e accettazione sono quelle più apprezzate. Nella domanda bisogna rendere inoltre esplicito il proprio intento, questo farà abbattere le normali barriere nell'altro. Ad esempio: “sto valutando quale macchina comprare, sei soddisfatto della tua?”. Inizia inoltre la conversazione con domande semplici e poi, con un crescendo, fai delle domande aperte che richiedano sempre più pensiero. Per domande aperte s’intende quelle la cui risposta non è un semplice "si" o "no".
3.    Mostrati interessato invece di preoccuparti di essere interessante. Le persone rispondono al profondo bisogno di sentirsi apprezzate e importanti. Il miglior modo per suscitare interesse nell’altro è quello di soddisfare questo bisogno.  Se sei sinceramente interessato alla persona che hai davanti, questa persona te ne sarà per sempre grata e a sua volta sarà interessata nell'ascoltarti.
4.    Usa le 6 regole d’oro della conversazione: i) pensare prima di parlare valutando le connessioni con l’argomento trattato, la chiarezza espositiva e evitando le generalizzazioni; ii) esprimere in maniera precisa e puntuale il concetto evitando di girarci attorno, doppi sensi, o di pensare che la persona davanti capirà messaggi più indiretti o nascosti; iii) controllare la comprensione di chi ascolta chiedendo se siamo stati chiari e se ci siamo spiegati bene; iv) evitare di ripetersi impegnandosi ad essere sintetici parlando massimo un minuto di seguito per poi dare la parola all’altro; v) comunicare curando il linguaggio del corpo (10 consigli pratici); vi) chiedersi sempre che tipo di reazioni ed emozioni genera quello che stiamo dicendo nell’altro.
5.    Superare le proprie barriere comunicative. Per migliorare significativamente la qualità delle nostra comunicazione bisogna iniziare da noi stessi. Ci sono diverse cause che possono mandare in corto circuito la nostra comunicazione. Esserne consci è il primo passo per superarle. Le barriere sono: i) la paura, come ad esempio la paura di essere giudicati negativamente, di fare brutta figura, delle critiche, etc.; ii) Le assunzioni e i preconcetti, ovvero dare per scontato quello che l’altro pensa basandoci sui nostri schemi di pensiero che ci impediscono di comprendere e ascoltare l’interlocutore; iii) le etichette e le generalizzazioni, iv) l’insicurezza in noi stessi, iv) risentimenti e v) essere troppo concentrati su noi stessi.

Prova e riprova questi principi e farai felici i tuoi ascoltatori.

4 commenti:

Riccardo ha detto...

Bel post Super.

Mi sono sempre domandato come riuscire a catturare l'attenzione delle persone con cui parlo. Ho trovato molti spunti utili. In particolare mi è piaciuto l'idea di essere interessati invece di intessanti. Ti volevo chiedere qualcosa in più. Grazie in anticipo.

Super ha detto...

Ciao Riccardo,
In fondo tutte le persone sono innamorate di loro stesse. Altrimenti non si spiegherebbe perchè tutti ascoltano così poco e sono così intenti a cosa dire invece di interagire con gli altri. Così se si vuole risultare interessanti agli occhi dell'altro basta essere interessati. Interessati vuol dire porre domande, capire e reagire a quello che l'altro dice. Pochi possono resistere a chi si pone così genuinamente all'ascolto.

micro ha detto...

Quando le persone parlano con me cerco di mostrarmi interessato, e spesso mi fanno lunghissimi monologhi.
Quando viene il mio turno di parlare, invece, mi interrompono subito e cercano di chiudere la conversazione.
Come fare?

lemi ha detto...

Bella domanda,Micro...Perché non ci sono risposte?Mi interesserebbe avere un parere da qualcuno che dà ottimi consigli per "conquistare" l'ascolto. A meno che il tutto non dipenda dalla tipologia di persona che ci troviamo di fronte:interlocutore,parlatore(logorroico) o ascoltatore ?E se si tratta semplicemente di una persona educata che finge di ascoltarti ma in realtà sta pensando ad altro(tipo"ma quanto chiacchiera questa/o!)?Grazie in anticipo per l'attenzione!